consigli per il trasloco

Il trasloco dovrebbe essere preparato alcune settimane prima della data prevista, in modo da diminuire il carico di lavoro nei giorni dell'effettivo trasferimento. La prima cosa da fare è la richiesta di preventivo con nostro successivo sopralluogo.



Calendario delle cose da fare:



Un mese prima:

1. Fate una lista dei mobili da traslocare, di quelli da eliminare o da regalare. Non dimenticate il box, la cantina o il solaio, il terrazzo o il giardino.

2. Procuratevi i materiali d'imballo idonei come scatoloni, nastro adesivo da pacchi, pluriball, ecc. Su richiesta ve li forniamo noi..

3. Contattateci per un sopralluogo e per un preventivo gratuito.

4. Avvisate l'amministratore che lasciate la casa.



15 giorni prima:

1. Chiamate il vostro gestore telefonico per il trasferimento della linea telefonica o per allaciarne una nuova.

2. Iniziate a imballare le cose superflue (libri, oggetti, suppellettili, quadri, collezioni), eliminando quanto non più necessario nella nuova casa, se già stabilito.

3. Create uno spazio libero della casa ove accantonare, mano a mano, tutti i colli già riempiti.

4. Disdite i contratti Luce e Gas i informatevi per i subentri o i nuovi allacciamenti nella nuova abitazione. (Normalmente sui contatori da attivare è appeso un cartellino con le indicazioni per la riattivazione).

5. Ricordarsi di farsi consegnare imballi per gli effetti personali più delicati..



Una settimana prima:

1. Cominciate a consumare tutti i cibi deperibili e quelli contenuti nel freezer

2. Rivolgetevi alle poste per il servizio di re-indirizzamento o, in alternativa, mettetevi d'accordo con il portinaio o con un vicino.

3. Comunicate all'amministratore, vecchio e nuovo, la data del trasloco.

4. Fate almeno un duplicato delle nuove chiavi.

5. Programmate a chi far accudire i bambini o gli anziani il giorno del trasloco. Programmate a chi far accudire eventuali animali domestici.

6. Restituite qualsiasi cosa noleggiata o avuta in prestito.

7. Completate gli ultimi imballi, lasciando fuori solo lo stretto necessario per vivere decentemente l'ultima settimana nella vecchia casa.

8. Prenotate per il giorno successivo al trasloco l'intervento di tecnici specializzati in grado di rilasciare un certificato di conformità per ricollegare le apparecchiature a gas traslocate, come stabilito per legge.



Il giorno prima:

Proteggete le piante con imballo in modo idoneo.

2. Vuotate completamente frigo e freezer, spegneteli e lavateli.

3. Affidate bambini, anziani e animali domestici alle persone previste.

4. Ritirate gli ultimi capi dalla lavanderia.

5. Togliete i tubi della lavatrice e della lavastoviglie e svuotateli completamente.

6. Preparate una o più valige d'emergenza con effetti personali di prima necessità o per imprevisti eventuali.

7. Cominciate a pulire la casa partendo dalle camere da letto e dalla cucina.



Il giorno del trasloco:

Prendete con voi la valigetta di emergenza.

2. Uscendo dalla vecchia casa controllate in generale che tutto sia stato portato via e staccate tutte le utenze (acqua, luce e gas).

3. Controllate e scrivete gli ultimi dati dei contatori di acqua, luce e gas, nella vecchia abitazione.

4. Prendete nota della lettura dei contatori di acqua, luce e gas della nuova casa, se già installati.

5. Liberate le piante dagli imballi.



Il giorno dopo:

Cominciate a disfare gli scatoloni che sono stati preparati per ultimi.

2. Contattate i tecnici per l'allacciamento delle apparecchiature a gas.

3. Presentatevi al custode e ai vicini per buona educazione.

4. Fate un check di tutte le pratiche burocratiche e, in caso, provvedere a quanto necessario .





Indice dei documenti da fare:



ABBONAMENTI: dare comunicazione.

ANAGRAFE: comunicazione del nuovo domicilio all'Ufficio Anagrafe (a trasloco avvenuto); l'operazione è gratuita. Seguirà accertamento da parte di un vigile urbano.

ASSICURAZIONI: la polizza sulla casa deve essere riparametrata tenendo conto della diversa localizzazione e delle eventuali aggravanti. Per quanto concerne il rischio furto è necessario, attenendosi alla Polizza di riferimento Ania, avvisare la propria Agenzia dell' imminente trasloco almeno 10 giorni prima. Per le polizze auto e quelle personali si tratta di aggiornare l'indirizzo: non sono previsti termini precisi nè sanzioni . Il trasferimento in un'altra Provincia può comportare una diversa tariffa RC auto.

ATTIVITA' LAVORATIVA: dare comunicazione all'Ufficio del Personale.

AUTO: la patente di guida richiede un' immediata modifica (pena sanzioni).Portare con se patente e libretto di circolazione all'Ufficio Anagrafe.

BANCA: se si rimane correntisti presso la stessa agenzia, occorre comunicare per iscritto il nuovo indirizzo, fornendo gli identificativi di conto corrente, carte di credito ed eventuale cassetta di sicurezza. In caso di cambio di agenzia, all'interno del medesimo Istituto bancario, sarà compito della nuova agenzia comunicare la chiusura del vecchio conto.

CONTRIBUTI E PENSIONI: all'interno dei bollettini INPS vi è un'apposita cartolina; il lavoratore autonomo dovrebbe notificare la variazione di residenza almeno un mese prima della scadenza del versamento. Il mancato avviso all'INPS comporta sanzioni economiche.

ELETTRICITA': nel caso di energia erogata dall'Enel, il contratto di voltura può essere applicato all'inquilino che subentra: chi "esce" deve comunicare l'ultima lettura del contatore, mentre chi "entra" deve chiedere il nuovo contratto e la potenza desiderata dell'impianto. Tutto avviene per telefono; il contratto viene inviato per posta, mentre il costo dell' operazione sarà addebitato sulla prima bolletta.

GAS METANO / ACQUA: conviene presentarsi allo sportello dell'Azienda almeno 15 giorni prima del trasloco per chiudere il vecchio contratto e aprire il nuovo.Per quanto riguarda l'acqua, se gestita dalla stessa Azienda, si potrà risolveretutto nello stesso momento; altrimenti si dovrà consultare la Società di letturadei contatori.

IMPOSTE: occorre presentarsi all'Ufficio Distrettuale Imposte Dirette muniti di Codice Fiscale e di un certificato di residenza in carta libera; l'aggiornamento sarà comunicato in tempo reale, tramite terminale, a tutti gli Uffici Finanziari.

IMPOSTE COMUNALI: occorre denunciare la variazione d'indirizzo c/o l'Ufficio Tributi presentandosi con un certificato di residenza e la metratura del nuovo appartamento, al fine del ricalcolo dell' imposta sui rifiuti. Nel caso ci si trasferiscain un nuovo Comune, bisogna disdire il contratto per tale imposta presso il vecchio Comune di appartenenza.

LIBRETTO SANITARIO: è necessario rivolgersi alla ASL del nuovo indirizzo e comunicare il domicilio portando con sé il libretto sanitario o il certificato di residenza. E' una formalità da espletare tempestivamente per evitare inconvenienti in caso di visita del medico fiscale

PORTO D'ARMI: dare comunicazione alla Questura.

POSTE: comunicare all'Ufficio Postale, che fornirà al portalettere il nuovo indirizzo.

SCUOLE: richiedere alla scuola il nulla osta di frequenza per trasferimento.

TELEFONO: appena decisa la data del trasloco telefonare al 187 per richiedere il trasferimento; la Telecom convocherà poi l'interessato per la firma del nuovo contratto.


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi